• Trekking

  • Speleologia carsica

  • Speleologia urbana

  • Storia ed archeologia sotterranea

  • Ricerche

Napoli Underground Channel

LogIn

Chi è online

Abbiamo 75 visitatori e nessun utente online

Statistiche

Utenti
39
Articoli
514
Web Links
28
Visite agli articoli
279953

Ultimi commenti

Eventi del Politecnico di Milano: Architettura dell’Acqua a ...
Per tutta la durata del congresso Napoli Underground garanti...
NeandertalMan - Commented on Cusano Mutri e le Forre del Titerno in Joomla Article
Questa escursione è stata realizzata nel agosto del 2014 e l...

Ultime notizie

IMAGE "Le cavità artificiali - Tipologie e definizioni" di Gianluca Padovan disponibile per capitoli nella biblioteca di NUg
Martedì, 03 Marzo 2015
La Biblioteca di Napoli Underground si arricchisce di una nuova sezione: quella dedicata ai lavori della SCAM-FNCA (Speleologia Cavità Artificiali Milano e Federazione Nazionale Cavità Artificiali). La decisione di aprire questa nuova sezione è nata dalla necessità raccogliere i fascicoli dei vari capitoli che compongono il volume "Le cavità artificiali - Tipologie e definizioni", opera di Gianluca Padovan che stiamo già pubblicando su Napoli Underground sotto forma di singole schede. L'idea di raggruppare l'intero lavoro in capitoli, scaricabili attraverso il formato digitale PDF, è maturata per favorire la consultazione e così ottenere una visione più organica delle innumerevoli realtà ipogee che compongono il patrimonio sotterraneo. Al momento è disponibile il cap. 1° ma a breve pubblicheremo anche i successivi. Ovviamente nella stessa sezione troveranno posto anche tutte le altre opere della SCAM-FNCA che gli autori vorranno rendere pubbliche e disponibili. La sezione dedicata alla SCAM-FNCA Buona lettura   Read More...
IMAGE Architettura dell’Acqua a Milano: dai sistemi di gestione storici al ruolo di Metropolitana Milanese
Martedì, 03 Marzo 2015
Sono lieta di annunciare il congresso: Architettura dell’Acqua a Milano: dai sistemi di gestione storici al ruolo di Metropolitana Milanese   10 – 11 Aprile 2015 Politecnico di Milano Campus Leonardo Edificio 3, Aula Osvaldo De Donato (S 0.1) Piazza Leonardo da Vinci N. 32 Milano   INGRESSO LIBERO si richiede cortesemente l’iscrizione tramite il Form: Eventi Politecnico di Milano Per informazioni: mantonietta.breda@polimi.it   Milano è ancora oggi una città d’acque. L’abbondante presenza del prezioso liquido nel sottosuolo con l’acqua di falda e nel soprassuolo con i corsi d’acqua naturali, i fontanili e i canali artificiali, la rendono tale. Le genti che l’hanno fondata e abitata nel fluire di quattro millenni (I millennio a.C. – III millennio) hanno utilizzato l’acqua per le diverse necessità e applicando il grado di conoscenza raggiunto. Sul finire del XIX secolo la città era percorsa da circa 150 km di canali, sia a cielo aperto sia sotterranei, era “perforata” da innumerevoli pozzi ordinari e si apprestava a dare vita a due grandi progetti: il moderno impianto fognario e l’Acquedotto Civico. Oggi gli impianti pianificati e realizzati corrono nel sottosuolo, si ramificano sotto di noi, lontani dai nostri sguardi e gli accessi sono sigillati dai classici tombini metallici. Si può pensare che le sole emergenze visibili delle acque milanesi scorrano nei pochi canali rimasti a giorno, negli specchi d’acqua che occhieggiano dal verde dei parchi e attraverso fontane e fontanelle storiche. Riportare l’Acqua alla luce della nostra consapevolezza è il ruolo di Metropolitana Milanese e del Politecnico di Milano. Suggerire gli spunti per la progettazione degli spazi aperti, pensare al riuso delle architetture dell’acqua e prevedere il recupero e il riutilizzo delle acque reflue sono gli obiettivi di questo Congresso. Il tutto è in assonanza con il tema di riflessione di EXPO 2015: “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”. I relatori sono amministratori pubblici, archeologi, architetti, astronomi, ingegneri, speleologi, i quali si muovono tra passato e presente, tra storia e attualità, tra ricerca, progetto e realizzazione. I contributi restituiscono un paesaggio urbano d’acque articolato, stratificato, in continua trasformazione. È una iniziativa culturale aperta al pubblico per rispondere con rinnovata sensibilità ecologica e sociale al diritto dei cittadini di vivere in luoghi che sappiano far vibrare le “corde” che ci congiungono alla Natura e che ci avvicinano al cosmo smisurato, a cui gli antichi sapevano guardare trovando i legami tra cielo e terra, tra uomini e dei e, forse, alcune risposte. Il Congresso è la terza iniziativa pubblica riguardante la città di Milano ed è organizzato dall’unità di ricerca interdisciplinare del DAStU, attiva dal 2011, che si occupa della conoscenza e della valorizzazione del patrimonio ipogeo storico. La prima iniziativa ha visto la mostra fotografica «Milano del piano di sotto: 1368 – 1968. Seicento anni di uso delle architetture sotterranee tra medioevo e guerra fredda», tenutasi dal 24 aprile al 15 maggio 2013 presso la sala mostre del Campus Bovisa. La seconda è stata «Milano Sotterranea», giornata del 20 settembre 2014 articolata nelle conferenze sulle opere tecnologiche sotterranee e sul riuso delle acque reflue, tenutasi presso l’aula Osvaldo De Donato del Campus Leonardo.   Con il patrocinio di: Politecnico di Milano - Dipartimento di Architettura e Studi Urbani M M S.p.A. Le Università per EXPO 2015 Comitato Scientifico del Comune di Milano Cittadella degli Archivi e ACM Comune di Milano Ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano Associazione Speleologia Cavità Artificiali Milano Federazione Nazionale Cavità Artificiali NapoliUnderground   Ideazione e responsabilità scientifica: Arch. Maria Antonietta Breda, Politecnico di Milano – DAStU   Comitato Scientifico: Maurizio Boriani (Politecnico di Milano – DAStU), Maurizio Brown (Commissione Ambiente Ordine degli Ingegneri di Milano), Gianluca Padovan (Associazione Speleologia Cavità Artificiali Milano), Massimo Recalcati (Metropolitana Milanese)   Registrazione degli interventi: Audio – Video Leonardo - Diretta streaming: Fulvio Salvi NapoliUnderground   È prevista la pubblicazione degli Atti nella collana Hypogean Archaeology dei British Archaeological Reports di Oxford.   La locandina con il programma Read More...
IMAGE Le Terme di Baia
Martedì, 03 Marzo 2015
Baia possiede senza ombra di dubbio il più esteso e lussuoso complesso termale dell'antichità. Su un fronte di oltre 450 metri l'intera collina che dalla "Sella di Baia" scende sino al mare è ricoperta dai ruderi di ciò che rimane dell'imponente struttura. Ad alcune costruzioni che facevano parte del complesso sono stati assegnati dalla tradizione locale nomi che le assimilerebbero ad edifici religiosi ma, in realtà, si tratta comunque di sale e piscine termali. Possiamo distinguere quattro settori principali che fanno capo ad una grande sala o piscina: la Terma del c.d. Tempio di Diana, la Terma del c.d. Tempio di Mercurio, la Terma-piscina di Sosandra e la Terma del c.d. Tempio di Venere. Le strutture erano alimentate sia da acque termali provenienti da sorgenti minerali endogene di cui l'area è ricchissima sia dal canale dell'acquedotto augusteo che, ad una quota superiore, passa proprio in quella collina per andare ad alimentare la Piscina Mirabilis di Bacoli. Attualmente quello che resta visibile delle terme è la parte che in passato era posta ad un livello più alto, poiché a causa del bradisismo una porzione delle strutture è attualmente sprofondata sotto il livello del mare. Nel 1962 R.F. Paget esplorò nella parte superiore delle Terme di Venere una stretta galleria, scavata all'interno della collina, lunga 350 metri che termina in una camera quadrangolare. Lo studioso affermò di aver ritrovato il famoso tempio sotterraneo dei Cimmeri: l'Oracolo dei Morti. Gli archeologi ritengono che in realtà il cunicolo non abbia alcuna funzione cultuale ma sia stato realizzato per captare il vapore proveniente dal sottosuolo. Le nostre fotografie Il video: Le Terme di Baia Read More...
IMAGE Terme di Baia
Martedì, 03 Marzo 2015
Terme di Baia Tipologia: Sito archeologico Descrizione: Il costo del biglietto per visitare le Terme di Baia è 4 euro, è valido per due giorni e consente di visitare anche il parco archeologico di Cuma, il Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel castello di Baia e l'Anfiteatro Flavio. Le Terme di Baia non sono dotate di biglietteria e il ticket può essere acquistato presso gli altri siti. Città: Bacoli (NA) Coordinate: N40 49.104  - E14 04.158 Indirizzo: Via Sella di Baia, 22, 80070 Telefono: (+39)  081 523 3797 Sito web: Wikipedia Le foto: Terme di Baia Per saperne di più: Le Terme di Baia Il video: Le terme di Baia Read More...
IMAGE Palmento ipogeo (tipologia n. 5)
Martedì, 03 Marzo 2015
Si tratta di una vasca larga e poco profonda, usata per la pigiatura dell’uva e la fermentazione dei mosti; per estensione è indicato l’ambiente sotterraneo in cui era ricavata. Generalmente il palmento è dotato di una scalinata d’accesso e una cisterna per la raccolta dell’acqua piovana. Alcuni esempi di palmento ipogeo si sono rinvenuti in località Montalè (Sassari) e si tratta di opere scavate ex novo o riutilizzando sia domus de janas sia piccole chiese rupestri. Tali impianti hanno caratteristiche omogenee «con un impianto costituito dalle vasche per la pigiatura dell’uva con relativa vaschetta di raccolta ricavata nel piano del pavimento, e dall’alloggiamento per una o più presse a vite, anch’esse con vaschetta di raccolta. Le vasche per la pigiatura, da 1 a 3 per ogni ipogeo, sono scavate nella roccia per un diametro di circa 2 metri ed un’altezza media di m 1,2; sono rivestite internamente con una sorta di cocciopesto» (Rovina D., Interventi di archeologia postmedievale nella Sardegna centro-settentrionale, in Archeologia postmedievale: l’esperienza europea e l’Italia, Archeologia Postmedievale I, Firenze 1997, pp. 251-266). Testi di riferimento: Padovan Gianluca (a cura di), Archeologia del sottosuolo. Lettura e studio delle cavità artificiali, British Archaeological Reports, International Series 1416, Oxford 2005. Basilico Roberto et alii, Italian Cadastre of Artificial Cavities. Part 1. (Including intyroductory comments and a classification), British Archaeological Reports, International Series 1599, Oxford 2007. Gianluca Padovan (Associazione S.C.A.M. – Federazione Nazionale Cavità Artificiali) Read More...
IMAGE Cronache Ipogee gennaio nr. 2-2015
Lunedì, 02 Marzo 2015
E' disponibile sul web il numero 2 - febbraio 2015 della rivista elettronica "CRONACHE IPOGEE", il notiziario di informazione speleologica del Friuli Venezia Giulia. Il PDF con tanti interesanti articoli è scaricabile gratuitamente a questo link: Cronache Ipogee n.2-2015.pdf (3.5 MB) Questo mese Cronache Ipogee si apre con un articolo dal titolo: "Gorgazzo 2015" che racconta l'ultima immersione di Gigi Casati il più famoso speleo sub italiano. Buona lettura. Read More...
IMAGE ll bollettino n° 313 della SBE (Società Brasiliana di Speleologia)
Lunedì, 02 Marzo 2015
E' disponibile sul web il bollettino 313, del 1 marzo 2015, della Società Brasiliana di Speleologia. In questo numero: in Brasile si vara un programma per la protezione dei pipistrelli; l'arte rupestre nello stato del Paraiba; ancora un articolo sulla caverna di Son Doong in Vietnam, speleologia spaziale con le colonie sotterranee su Marte;...e tanto altro ancora. La rivista è disponibile a questo link: nr. 313Se invece v'interessa visionare i numeri arretrati questo è il sito della Sociedade Brasileira de Espeleologia Buona lettura Read More...
IMAGE Piscina Mirabilis
Lunedì, 02 Marzo 2015
Piscina Mirabilis Tipologia: Cisterna romana Descrizione: La Piscina Mirabilis realizzata nel I sec. d.C. per approvvigionare acqua alla Classis Praetoria Misenensis la flotta romana di base a Miseno Città: Bacoli (NA) Coordinate: 40°47'41.68N - 14° 4'50.00E Indirizzo: Via Piscina Mirabile GPS: Dai giardini di Bacoli alla Piscina Mirabilis Le foto: La Piscina Mirabilis Per saperne di più: Piscina Mirabilis - Wikipedia Il video: La Piscina Mirabilis Di seguito tutti i dettagli con orari, recapiti telefonici per le prenotazioni e i regolamenti. Click sull'immagine per ingrandire Read More...

Gli scatti migliori

Ultimi post nel forum

Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons
Il sito www.napoliunderground.org non rappresenta una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Napoli Underground è un'organizzazione indipendente che si occupa esclusivamente di esplorazioni, ricerche, divulgazione e informazione e non è collegata a nessuna delle tante associazioni che praticano turismo e/o visite guidate nella nostra città.