• Trekking

  • Speleologia carsica

  • Speleologia urbana

  • Storia ed archeologia sotterranea

  • Ricerche

Napoli Underground Channel

Ultimi commenti

renata - Commented on Wendy, sono a casa… in Joomla Article
Mi associo alle congratulazioni. Buon lavoro a tutti!
NeandertalMan - Commented on Wendy, sono a casa… in Joomla Article
Voglio ringraziare particolarmente Jeff Matthews e Larry Ray per il supporto che...
LarryRay - Commented on Wendy, I'm home... in Joomla Article
Congratulations and appreciation to Fulvio and the NUg 'gang' for all your hard ...
LarryRay - Commented on Wendy, sono a casa… in Joomla Article
Congratulazioni a Fulvio e il NUg 'gang' e apprezzamento per tutto il tuo duro l...

Ultime notizie

IMAGE Progetto di georeferenziazione della rete sentieristica del Parco Nazionale Arcipelago Toscano
Sabato, 22 Novembre 2014
E' stato pubblicato il bando di gara mediante procedura aperta per la realizzazione della georeferenziazione dei sentieri del Parco Nazionale Arcipelago Toscano. L'Ente Parco è stato in passato sempre molto attivo nella attività di valorizzazione, attraverso stanziamenti straordinari, delle potenzialità del territorio e in collaborazione con il CAI nazionale, i Comuni e le associazioni ha costantemente curato e il monitorato la rete dei sentieri. In questa ottica l'Ente Parco ritiene necessaria una ricognizione dei percorsi di propria competenza in tutto l’Arcipelago Toscano al fine di favorire la promozione escursionistica del territorio. A tal proposito è stato pubblicato un bando per affidare l’incarico di georeferenziarie tutta la rete sentieristica. Il progetto prevede di acquisire, attraverso l'utilizzo di dispositivi GPS-GNSS SUBMETRICI, le tracce dei percorsi individuati sulla carta dei Sentieri dell’Ente Parco e tutte quelle informazioni utili ai fini della valorizzazione e promozione del territorio e alla fruizione dei percorsi. Tutti i dettagli sono disponibili sul sito ufficiale del Parco Nazionale Arcipelago Toscano Scadenza: 22 dicembre 2014 Read More...
IMAGE Cueva Tur 2014 - Disponbili on line gli atti del congresso
Venerdì, 21 Novembre 2014
Sono disponibili OnLine gli atti de Cueva Tur 2014 il Primo Congresso Ibero-Americano e Spagnolo sulle Grotte Turistiche. La pubblicazione è stata postata su Calaméo da Bibliografia Espeleologia il più importante sito spagnolo di divulgazione sull'editoria speleologica. La notizia è tratta da: espeleologiabibliografia Buona lettura   Read More...
IMAGE Memorie Sotterranee - Il catalogo della mostra
Giovedì, 20 Novembre 2014
  Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto dall'associazione Bologna Sotterranea il catalogo della mostra "Memorie Sotterranee: i rifugi antiaerei a Bologna tra ricerca, tutela e valorizzazione" realizzato a cura di Vito Paticchia e Massimo Brunelli. E' possibile richiedere copia dell'interessante pubblicazione direttamente alla segreteria dell'associazione Bologna Sotterranea (segreteria@amicidelleacque.org ) che provvederà ad inviarla con un modesto contributo a copertura delle spese di spedizione.  Presentazione "Questo volume si aggiunge al contributo di studi e ricerche, mostre e pubblicazioni che l'IBC nel corso degli anni ha dedicato al tema della conoscenza dei segni - rovine più o meno evidenti e perturbanti - del secondo conflitto mondiale sul territorio regionale.Su questi argomenti, il filone di ricerca più importante è da quasi un ventennio quello costituito dal progetto regionale sulla Linea Gotica, che si articola in vari capitoli, tra i quali spicca la guida recentemente pubblicata, e dedicata all'intero sviluppo del tracciato della fortificazione, dal Tirreno all'Adriatico.Nelle pagine che seguono, si coglie molto bene come sulle tracce della guerra si possa andare anche in città. Questo era molto evidente fino agli anni Sessanta e Settanta, quando i vuoti bellici non erano infrequenti nel tessuto urbano; in seguito sono stati riempiti o abbelliti con sistemazioni a verde, e ora le tracce più percepibili sono le scritte e i segnali sulle pareti che indirizzavano ai rifugi, argomento al quale fu dedicata una ricerca fotografica e poi una mostra nel 2007.Naturalmente nelle città i segni delle distruzioni più persistenti e clamorosi - anche se indiretti, in quanto sono una conseguenza della guerra più che un lascito vero e proprio - sono le porzioni a volte estesissime di tessuto urbano ricostruito nelle aree bombardate: un patrimonio edilizio da sempre poco considerato perché connotato da scarsa qualità, rispondente a criteri spesso speculativi e bandito fino a pochi anni fa dal recinto dei beni culturali. Un atteggiamento che oggi è cambiato, con la considerazione del patrimonio costruito nel Novecento, e dei suoi valori architettonici o anche soltanto testimoniali.Il merito del lavoro condotto dai due autori - che è stato esposto in una mostra tenutasi nell'autunno 2013 alla Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna - è duplice: da un lato esso ci restituisce la conoscenza di luoghi e vicende molto prossimi all'oblio, e già di per sé questo è un obiettivo sufficiente per certificare la necessità dell'opera compiuta; inoltre, esso segnala con forza la necessità di iniziare a valorizzare l'insieme dei rifugi sotterranei, come si fa - e il libro lo racconta - in diverse città italiane e negli altri paesi europei. Qualche esperienza è già stata fatta anche da noi, in occasione di manifestazioni ed eventi temporanei, ma è certo opportuno continuare con più convinzione, creando in questo modo una rete di luoghi da visitare che potrebbe aggiungersi agli itinerari culturali urbani già attivi, arricchendoli, sulla scorta di esempi di successo, com'è il caso della rete dei canali e delle acque sotterranee. Piero OrlandiResponsabile del Servizio beni architettonici e ambientali IBC" Click sull'immagine per ingrandire La copertina del catalogo Read More...
IMAGE Lo Speleo Club Chieti organizza visite guidate nei sotterranei di Palazzo de' Mayo
Mercoledì, 19 Novembre 2014
Lo Speleo Club Chieti chiude in bellezza il mese di novembre con una serie di visite guidate gratuite nei sotterranei del Palazzo de' Mayo. L'evento culturale, che si svolgerà durante il weekend del 29 e 30 novembre, prevede l'accompagnamento dell'archeologa Marida De Menna che, tra le ore 16:00 e le 20:00, illustrerà gli ambienti ipogei dell'antica via Tecta e del corso Marrucino. Prenotazione obbligatoria contattando la Fondazione Carichieti al numero telefonico 0871-359801 La fonte della notizia Read More...
IMAGE l bollettini n° 305 e 306 della SBE (Società Brasiliana di Speleologia)
Mercoledì, 19 Novembre 2014
Sono disponibili sul web i bollettini 305 e 306, rispettivamente del 1 e del 15 novembre 2014, della Società Brasiliana di Speleologia. In questi numeri: i 45° anniversario della SBE e un articolo di bio-speleologia sul numero 305. Sul numero 306 troviamo: bio-speleologia e fotografia speleologica; ...e tanto altro ancora. La riviste sono disponibili a questi: nr. 305 e nr. 306.Se invece v'interessa visionare i numeri arretrati questo è il sito della Sociedade Brasileira de Espeleologia Buona lettura Read More...
IMAGE Legambiente sulle Apuane - Fermate la distruzione delle Alpi Apuane e dei suoi acquiferi carsici
Martedì, 18 Novembre 2014
Il comunicato stampa che Legambiente Toscana ha diramato per informare e fare il punto sullo scempio ambientale che si sta perpetrando con le cave di marmo nelle Alpi Apuane.   "LEGAMBIENTE AL PARCO, ALLA REGIONE E ALLA RETE EUROPEA DEI GEOPARCHI: "FERMATE LA DISTRUZIONE DELLE ALPI APUANE E  DEI SUOI ACQUIFERI CARSICI" L'ASSOCIAZIONE PRESENTA UN DOSSIER SULL'IMPATTO DI 13 CAVE NEL PARCO REGIONALE DELLE ALPI APUANE Riaperture, ampliamenti e fusioni di cave dismesse, sbancamenti di nuovi versanti, nuove strade di arroccamento, nuovi ravaneti, valutazioni d'impatto ambientale alquanto sommarie, l'86,4% di detriti per estrarre il 13,6% di blocchi, acquiferi messi in pericolo da dilavamenti di terre e marmettola; circhi glaciali, cavità carsiche, versanti sopra i 1.200 metri e siti d'interesse comunitario per la biodiversità, intaccati da nuove escavazioni, etc. Sembra un bollettino di guerra all’ambiente, ma basta consultare sul sito del Parco Regionale delle Alpi Apuane gli atti di autorizzazione in corso per 13 cave di marmo, per rendersi conto che tutto questo sta succedendo, e non è un’eccezione ma la norma, all'interno di un importante Parco Regionale, riconosciuto anche come Geo-Parco delle rete Europea dei Geo-Parchi, nonché l'area più importante per la biodiversità della Toscana, per la quale l'Unione europea esige una tutela particolare. “(…) Le Alpi Apuane: • rappresentano un territorio di inconsueta qualità ambientale, straordinariamente ricco di paesaggi, ambienti ed emergenze naturalistiche; • esprimono la loro ricchezza naturalistica non solo attraverso la flora e la fauna, ma pure attraverso le rocce, i minerali, i fossili, le strutture tettoniche, le forme superficiali e profonde della Terra, che forniscono elementi inconsueti, vari e diffusi di valore ambientale; • costituiscono un complesso orografico di grande suggestione scenica, per l’imponenza della dorsale principale e la morfologia assai aspra; • presentano numerosi habitat e specie animali e vegetali di interesse comunitario, che hanno qui consentito di definire una ZPS estesa e dieci SIC, direttamente legati al paesaggio fisico e al substrato geologico (...)” Non sono dichiarazioni di ambientalisti intransigenti, ma la Delibera N° 54 del 2010 del Consiglio Direttivo del Parco delle Alpi Apuane, necessaria per dar corso alla Candidatura dell'area protetta come Geo-Parco riconosciuto dalla Rete Europea e Globale dei Geo-Parchi, sotto gli auspici dell'UNESCO. In seguito a questa situazione, Legambiente ha deciso di scrivere al Presidente del Parco, al Presidente e agli Assessori competenti della Regione Toscana ed al Coordinamento di EGN-European Geoparks Network in Francia, per denunciare il pericolo al quale sono esposte le Alpi Apuane, attraverso un dossier articolato e documentato che prende in esame i documenti di autorizzazione in corso per 13 cave di marmo nel territorio del Parco, distribuite in tutte le aree: Lunigiana e versante apuano della Provincia di Massa-Carrara, Garfagnana e Alta Versilia in Provincia di Lucca. Legambiente esprime profonda preoccupazione per le numerose autorizzazioni in corso di cave nel Parco Regionale delle Alpi Apuane che comportano conseguenze incompatibili con l'equilibrio dei delicati ecosistemi e, in particolare, con il sistema degli acquiferi carsici, particolarmente vulnerabili alle infiltrazioni di polvere di marmo, terre di risulta ed oli esausti. “Questa situazione - commenta Fausto Ferruzza, Presidente di Legambiente Toscana - appare in contraddizione con la parallela revisione del Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico, adottato il 2/7/2014 dalla Regione Toscana, e, soprattutto, in stridente e paradossale contrasto con le direttive e le finalità istitutive stesse del Parco Regionale delle Apuane! Per questo, il nostro livello di preoccupazione è massimo”. “Gli enti in indirizzo - dichiara Antonio Nicoletti, Responsabile nazionale aree protette di Legambiente - devono adoperarsi per sospendere tutti i procedimenti autorizzativi delle cave in questione e rivedere radicalmente pianificazione e atti amministrativi del Parco. Non è ammissibile che un Parco Regionale, per di più in Toscana, interpreti a favore dell’escavazione speculativa le Direttive europee per la biodiversità e i principi che stanno alla base della sua inclusione nella Rete Europea e Globale dei Geoparchi. Se le richieste appena formulate non fossero pienamente attese, a Legambiente non rimarrebbe che segnalare alla UE la violazione delle Direttive di Natura 2000 e proporre l'esclusione delle Alpi Apuane dalla Lista dei Geoparchi europei”. Per consultare integralmente il dossier, ecco l’URL di riferimento: http://www.legambientecarrara.it/category/temi-locali/marmo/cave/ Katia Rosanna Rossi - Ufficio stampa Legambiente Toscana" Read More...
IMAGE Passeggiata in natura con assaggi di Assomoir
Lunedì, 17 Novembre 2014
DOMENICA 23 NOVEMBRE 2014 VI INVITIAMO ALL'EVENTO AUTUNNALE:** Passeggiata in natura con assaggi di Assomoir ** **L’autunno è una seconda primavera, quando ogni foglia è un fiore...(Albert Camus)**Vivetela insieme a noi, in una passeggiata vesuviana dai sapori intensi!Lungo il sentiero della Riserva Forestale Tirone-Alto Vesuvio, passeggiando su un tappeto dorato di foglie, tra boschi e suggestivi panorami, accompagnati dai sapori e dalle essenze dei prodotti Assomoir.Appuntamento: ore 09:30 LabAMV Via Osservatorio, 55 Strada Vesuvio, 80056 ErcolanoPartenza prevista: ore ~ 9:45          Rientro previsto: ore ~13:30 Sentiero: Riserva Forestale Tirone-Alto Vesuvio del Parco Nazionale del VesuvioDislivello: ~ 50 mtDifficoltà: semplice Da portare: Scarpe da trekking o con suola non liscia, felpa o pile, cappello di lana, giacchetta anti-vento/ kway, acqua. Contribuzione associativa: 10 euro soci    +*5 tesseramento per i nuovi socibambini <6 anni gratisNumero minimo di partecipanti: 7Prenotazione obbligatoria scrivendo una mail a prenotazioni@vesuvionatura.it indicato nominativo/i ed un recapito telefonico.Per ulteriori info o altre notizie relative alla nostra Associazione o all'escursione in oggetto contattare: info@vesuvionatura.it – cell. 3333866577- 3493939712A PRESTO!eNjOY naTure!!!IL TEAM di VESUVIO NATURA DA ESPLORARE Read More...
IMAGE Storia della Croce Rossa Italiana in Lombardia (1859-1914)
Lunedì, 17 Novembre 2014
Croce Rossa Italiana Il 22 novembre alle ore 18.00, presso l'Aula Magna del Collegio Gallio di Como, verranno presentati i due volumi Storia della Croce Rossa Italiana in Lombardia (1859-1914), curati da Costantino Cipolla, Alessandro Fabbri e Filippo Lombardi. Per i dettagli si allega la locandina.  L'evento è collegato anche all'esistenza del MURAC (Museo Rifugi Antiaerei Como) inaugurato quest'anno.  Si ricorda che sempre quest'anno è uscito il libro: Como 1915-1945: protezione dei Civili e rifugi antiaerei, edito da Lo Scarabeo - Milano. Questo libro raccoglie anche buona parte della documentazione presentata al MURAC, nei pannelli che compongono il percorso didattico di visita al rifugio antiaereo sotterraneo della Croce Rossa Italiana di Como.  Ricordare è il primo passo per non ricadere nei medesimi errori, in questo caso della guerra come "alternativa" alla PACE. La Pace è il momento proficuo di conoscenza e di elevazione morale e spirituale dell'essere umano nel suo percorso di vita e di apprendimento sulla Madre Terra. La locandina/invito in formato PDF Gianluca Padovan (Ass.ne SCAM - FNCA) Read More...

LogIn

Chi è online

Abbiamo 18 visitatori e nessun utente online

Statistiche

Utenti
20
Articoli
92
Web Links
8
Visite agli articoli
12428

Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons
Il sito www.napoliunderground.org non rappresenta una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Napoli Underground è un'organizzazione indipendente che si occupa esclusivamente di esplorazioni, ricerche, divulgazione e informazione e non è collegata a nessuna delle tante associazioni che praticano turismo e/o visite guidate nella nostra città.