• Trekking

  • Speleologia carsica

  • Speleologia urbana

  • Storia ed archeologia sotterranea

  • Ricerche

Calendario eventi

<<  Febbraio 2016  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
29      

Napoli Underground Channel

LogIn

Chi è online

Abbiamo 120 visitatori e nessun utente online

Statistiche

Utenti
50
Articoli
1241
Web Links
30
Visite agli articoli
1097678

Ultimi commenti

NeandertalMobile - Commented on Alla ricerca dell'eremo perduto in Joomla Article
... l'ultima grande avventura
Scaricate questo volume. Non può mancare nella vostra biblio...
Guest - Scintilena - Commented on Il ponte più antico di Napoli? in Joomla Article
L'avevo letta due giorni fa questa notizia del ponte più ant...
A Roma sono ancora presenti una trentina di sirene sui tetti...

Ultime notizie

IMAGE WORK 17 - Milan, 5th October 1940
Martedì, 09 Febbraio 2016
Milan, 5th October 1940. Milan Municipal public air-raid shelters Milano 5 ottobre 1940. I rifugi antiaerei pubblici del Comune di Milano This study by Maria Antonietta Breda documents for the first time an almost completely unknown aspect of Milan’s underground panorama: the underground spaces belonging to the Municipality of Milan that were used as public air-raid shelters during the early years of the war. The basis of the work is documentation produced by the Municipality of Milan on 5th October 1940, which contains 129 the profiles of 135 public air-raid shelters. Never before the catalog was published, with the exception of a couple of profiles. The book is bilingual, written in Italian and English; 447 pages + 24 pages of color photos. This testimony is made public to remind us all that our most precious asset is peace. As part of Underground Archaeological investigations, numerous explorations have taken place beneath the City of Milan. The origins of ‘Underground Milan’ lay in the history of the inhabitants themselves and their needs. Since the founding of the city Celt, over the centuries, the Milanese people have worked on the surface, establishing the basis for what would become the metropolis we know today. In a mirroring of this, generations of diggers and bricklayers have perforated the subsoil to give life to underground architecture, or hypogean spaces, which reflect the various phases of construction. This peculiarity of the subsoil as a ‘mirror of time’ is a prerogative of our whole Italian peninsula, islands included, where numerous civilisations have succeeded one another. It was also the subsoil that provided the response to the perils of air-raids during wartime. And even in the underground structures of millennia and centuries old have been found suitable spaces for these shelters. Indeed, the underground rooms and basements (as well as some medieval «secret passages») were used as ‘makeshift air-raid shelters’. This aspect of urban underground follows the topics covered in the III National Congress of Hypogean Archaeology, held in Massa in 2007. Basilico Roberto, Breda Maria Antonietta, Padovan Gianluca (a cura di), Atti III Congresso Nazionale di Archeologia del Sottosuolo: Massa 5-7 Ottobre 2007. Archeologia del rifugio antiaereo: utilizzo di opere ipogee antiche e moderne per la protezione dei civili, Hypogean Archaeology. Research and Documentation of Underground Structures, British Archaeological Reports International Series 2218, Oxford 2011. Breda Maria Antonietta, Padovan Gianluca, Milano: Rifugi Antiaerei. Scudi degli inermi contro l’annientamento, Lo Scarabeo, Milano 2012. Breda Maria Antonietta, Padovan Gianluca, Como 1915 – 1945: protezione dei Civili e rifugi antiaerei, Lo Scarabeo, Milano 2012. Gianluca Padovan 1. Cover 2. Communal Place Arengario, were prepared air-raid shelter  N° 35B. (Ph. G. Padovan) 3. Elementary School, 29 della Spiga street, were prepared  air-raid shelter N° 5A. (Ph. G. Padovan)   Read More...
IMAGE WORK 16 - Milano 5 ottobre 1940 – Milan, 5th October 1940
Lunedì, 08 Febbraio 2016
Il nuovo libro di Maria Antonietta Breda documenta per la prima volta un aspetto quasi completamente sconosciuto del panorama edilizio milanese: i locali sotterranei di proprietà del Comune di Milano adibiti a rifugi antiaerei pubblici nel primo anno della Seconda Guerra Mondiale. La base del lavoro è la documentazione prodotta dal Comune di Milano alla data del 5 ottobre 1940, in cui sono contenute 129 tavole, complete di planimetria e scheda tecnica, relative a 135 rifugi. A corredo vi è la carta topografica di Milano, del 1940, con l’ubicazione di ogni rifugio e la localizzazione delle trincee coperte. Per ogni gruppo di rifugi si sono inoltre riportati più dettagli della carta, al fine di consentire a chiunque l’individuazione di ogni singolo edificio in cui erano presenti i locali destinati alla protezione dei civili nel corso dei bombardamenti aerei. Il libro è bilingue, redatto in italiano e in inglese. Tale testimonianza è stata resa pubblica affinché la gente ricordi che il bene più prezioso è la pace. Autore: Maria Antonietta Breda Titolo: Milano 5 ottobre 1940. I rifugi antiaerei pubblici del Comune di Milano           Milan, 5th October 1940. Milan Municipal public air-raid shelters Editrice: Lo Scarabeo Editrice Milano Formato: 24 x 17 cm Pagine: 447, con inserto fotografico a colori (tot. pp. 471) Prezzo € 32,00 Buona lettura. Gianluca Padovan (Ass.ne S.C.A.M. – F.N.C.A.) Click sulle immagini per ingrandire 1. Copertina 2. Nel liceo Parini sono stati realizzati i rifugi antiaerei  n. 3B e 4A (ph. G. Padovan) 3. Al secondo piano sotterraneo dell'Arengario, in Piazza del  Duomo, c'era il rifugio n. 35 (ph. G. Padovan) Read More...
IMAGE Riparte l'edizione 2016 del concorso fotografico geografico-ambientale OBIETTIVO TERRA
Lunedì, 08 Febbraio 2016
Anche quest' anno, con la VII edizione, prende il via il concorso fotografico geografico-ambientale "OBIETTIVO TERRA". Il contest, che è organizzato dalla Fondazione UniVerde e dalla Società Geografica Italiana Onlus, è aperto a tutti e sarà possibile inviare le proprie immagini dal 10 gennaio al 21 marzo 2016 registrandosi al portale www.obiettivoterra.eu o sui siti www.fondazioneuniverde.it e www.societageografica.it e attraverso essi, caricare le fotografie. Il primo premio assegnato al vincitore sarà di 1.000,00 (mille) euro oltre ad una targa dalla Fondazione UniVerde e dalla Società Geografica Italiana. La foto vincitrice sarà anche esposta in una maxi-affissione a Roma. La cerimonia di premiazione si svolgerà a Roma il 22 aprile 2016. Tra le immagini messe a concorso saranno selezionate le vincitrici delle menzioni speciali per ognuna delle seguenti categorie: Alberi e foreste; Animali; Area costiera; Fiumi e laghi; Paesaggio agricolo e Turismo sostenibile. Inoltre, per l’anno 2016 sono state istituite le menzioni speciali: FAO - Legumi dai parchi (2016 Anno Internazionale ONU - FAO dei legumi); Madre Terra (2016 Anno Europeo della lotta alle violenze contro le donne) che sarà attribuita alla foto più bella scattata da una donna; ONU - Accordo di Parigi, per celebrare la cerimonia ufficiale di firma dell'accordo della COP21, che sarà conferita alla foto più bella scattata da uno straniero residente in Italia; Giubileo e via Francigena che sarà assegnata alla migliore foto scattata nei parchi percorsi dalla via Francigena. E’ inoltre prevista una menzione speciale fuori concorso per la migliore foto subacquea scattata in un’Area Marina Protetta italiana, in collaborazione con Marevivo. Ulteriori dettagli sono disponibili sul sito ufficiale del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise Read More...
IMAGE Il Trou de Touilles in Val di Susa Indagini archeologiche in un acquedotto alpino
Domenica, 07 Febbraio 2016
Il Trou de Touilles in Val di SusaIndagini archeologiche in un acquedotto alpino L'introduzione e l'indice della ricerca realizzata da Roberto Basilico e Sara Bianchi (SCAM-FNCA) sull'antico acquedotto alpino denominato Trou de Touilles realizzato nel XVI sec. dal minatore Colombano Romeàn. L'opera originale è pubblicata sui British Archaeological Reports. Il link al PDF dove sarà anche possibile trovare tutte le informazioni necessarie per richiederlo. A seguire il video del documentario relativo all'esplorazione di questa importante opera idraulica. Click sull'immagine per scaricare Il video: Il Trou de Touilles - L'acquedotto di Colombano Romean Read More...
IMAGE WORK 15 - Se una aggressione viene dal cielo...
Domenica, 07 Febbraio 2016
«Se un’aggressione viene dal cielo… che cosa fa l’operaio?» Manualetto distribuito nelle fabbriche italiane in previsione della guerra e, probabilmente, anche durante il suo corso. Estratto da: «“La protezione dei civili contro le aggressioni aeree” e “Guerra chimica contro le città” dell’Ing. G. L. Cocco della FIAT», Roma 1938. La copia del manuale in formato PDF: Se un’aggressione viene dal cielo… che cosa fa l’operaio? Gianluca Padovan (Associazione S.C.A.M. – Federazione Nazionale Cavità Artificiali) Read More...
IMAGE Sopra e sotto il Carso: il numero di gennaio - 01/2016
Venerdì, 05 Febbraio 2016
Ecco il numero di dicembre della rivista digitale Sopra e sotto il Carso, la pubblicazione online del Centro Ricerche Carsiche "C. Seppenhofer”. Ecco l'indice di ciò che troverete questo mese sulla rivista: Comincia un nuovo anno. Buon 2016Gennaio: la nostra attivitàApertura dell’annoIn grotta con il pronipote di Max FabbianiAustria, album fotograficoGrandi lavori nella Grotta di Sanguarto - Progetto AnophthalmusInaugurazione del 38° anno accademico 2015/2016Silice, selce, quarzoPubblicare nel “sistema speleologia”...Operazione “grandi pulizie” nelle grotte del FvgAl Montifilm è la giornata delle genzianeA proposito di spi fixAttrezzature: alcune cose da evitareRenato BoeganAlvise DucaSusy Ritossa CattonarIniziative nelle ValliI prossimi appuntamentiChi siamo. Sopra e sotto il Carso è disponibile sul sito del Centro Ricerche Carsiche "C. Seppenhofer. Buona lettura P.S. Se non riuscite a scaricarlo dal sito proprietario... allora prendetelo qui: Sopra e sotto il Carso 01-2016 Read More...
IMAGE WORK 14 - Sirene d’allarme in Italia
Lunedì, 01 Febbraio 2016
Le sirene d’allarme di altri tempi possono tornare a suonare nel nostro ricordo. Possono darci inaspettatamente la sveglia quando le vediamo o, anche, nel momento in cui scendiamo sotto terra a cercare le tracce dei luoghi di rifugio dalle bombe, utilizzati dalla gente comune. Quella che non conta, ma che da sempre fa la storia. Storia di sofferenze ma anche di tenacia contro le avversità. Ecco alcuni documenti sull’esistenza delle sirene della S.I.I.S. (Società Italiana Impianti Segnalazioni) in Italia, ai primissimi degli Anni Quaranta del XX secolo. Buona ricerca e “buon ascolto”. Gianluca Padovan (Ass.ne S.C.A.M. – F.N.C.A.) Click sulle immagini per ingrandire 1. 2. 3. Read More...
IMAGE Corso Introduttivo alla Roma Sotterranea
Lunedì, 01 Febbraio 2016
Sono aperte le iscrizioni per i corsi introduttivi alla Roma Sotterranea di Febbraio, Marzo e Aprile 2016. I corsi prevedono due lezioni teoriche in aula e due uscite di esplorazione nel sottosuolo urbano della capitale. Tutti i dettagli a questo link sul sito ufficiale di Roma Sotterranea. Read More...
IMAGE Il bollettino n. 334 della SBE (Società Brasiliana di Speleologia)
Lunedì, 01 Febbraio 2016
E' disponibile sul web il bollettino 334, del 1 febbraio 2016, della Società Brasiliana di Speleologia. In questo numero: la presentazione del volume redatto da Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e speleologico dal titolo "Tecniche di soccorso in grotta"; presentazione dei lavori per il 33° Congresso Internazionale di Geografia; uno studio analizza le diverse specie troglobite riscontrabili nel Parque Estadual da Serra do Rola Moça, nel  Minas Gerais; .... e tanto altro ancora. La rivista è disponibile a questo link: nr. 334Se invece v'interessa visionare i numeri arretrati questo è il sito della Sociedade Brasileira de Espeleologia Buona lettura Read More...
IMAGE Tecniche di soccorso in grotta - Il manuale del CNSAS
Lunedì, 01 Febbraio 2016
Il Corpo Naziona del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) ha prodotto e reso disponibile gratuitamente in formato PDF il manuale "Tecniche di soccorso in grotta". La risorsa è composta da ben 401 pagine ricche di foto, schemi e disegni esplicativi. Data la evidente pericolosità, il CNSAS raccomanda la massima attenzione nella eventuale applicazione delle tecniche e manovre mostrate nel volume. La risorsa, diponibile nelle lingue italiano e inglese, è scaricabile con una seplice procedura al seguente link dopo aver risposto ad alcune domende : CNSAS Scuola Nazionale Tecnici - Area Download Buona lettura P.S. il volume è rilasciato con queste specifiche raccomandazioni: AvvertenzeQuesto manuale è rivolto a personale esperto e specificatamente addestrato. Le informazioni fornite nel manuale in merito a tecniche di soccorso alpino e speleologico non descrivono tutti i possibili rischi che si posso verificare in situazioni reali e devono intendersi come opinioni personali degli autori. Le tecniche descritte in queste pagine sono fornite in buona fede ma non possono essere considerate complete. Gli attrezzi e gli strumenti indicati sono coperti da dettagliate specifiche tecniche e istruzioni d'uso fornite dai produttori, disponibili sui relativi siti web o all'interno delle confezioni originali, non in questo manuale. Gli autori ed il CNSAS non sono responsabili di un impiego non idoneo delle informazioni e dei contenuti del manuale. In caso di redistribuzione, missaggio, modifica o ricostruzione anche parziale dell'opera questo avviso deve essere riportato nella sua completezza.L'opera è pubblicata con licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License. Read More...

Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons
Il sito www.napoliunderground.org non rappresenta una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Napoli Underground (NUg) è un'organizzazione indipendente che si occupa esclusivamente di esplorazioni, ricerche, divulgazione e informazione e non è collegata a nessuna delle tante associazioni che praticano turismo e/o visite guidate nella nostra città.

 

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul vostro dispositivo.
Visualizza direttiva e-privacy Documenti