• Trekking

  • Speleologia carsica

  • Speleologia urbana

  • Storia ed archeologia sotterranea

  • Ricerche

Calendario eventi

<<  Luglio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

LogIn

Chi è online

Abbiamo 371 visitatori e nessun utente online

Statistiche

Utenti
72
Articoli
1794
Visite agli articoli
3441207

Ultimi commenti

NeandertalMan - Commented on Sotterranei dell'Arena Civica in Joomla Article
Grazie a voi la speleologia urbana ancora vive.
NeandertalMan - Commented on Sulle tracce del Gigante in Joomla Article
Complimenti! Siete fortissimi e, scusate, bonariamente avete...
I want to go there for a trek with my friends. The place loo...
Qualche fotografia la trovate sulla pagina FB diNapoli Under...
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Tanto le longe (fig. 1) come le trilonge (fig. 2) hanno una lunghezza fuori tutto di 40 - 50 cm. All’estremità delle longe si confezionano dei nodi delle guide (nella trilonge uno dei due nodi guida è modificato per ottenere il sistema di dissipazione dell’energia).

La trilonge si distingue dalla longe in quanto in uno dei due nodi guida, quello stesso che va al maillon di chiusura della imbracature, si recupera un doppino allentando una spira e lo si passa all'interno del nodo stesso. Questo doppino, una volta posta sotto sollecitazione la trilonge, scorre fra le spire compresse del nodo e tale scorrimento produce due effetti:

  1. l'attrito mette in gioco una forma aggiuntiva di dissipazione dell'energia;

  2. la lunghezza della longe aumenta e quindi aumenta la capacità di deformazione dell'attrezzo.

Non vi è dunque alcun dubbio: la trilonge è uno strumento capace di assorbire una grande quantità di lavoro ed è la migliore soluzione fra quelle sinora esaminate. Controindicazioni non ce ne sono se non legate ad un certo ingombro dell'attrezzo e un certo grado di inaffidabilità per la confezione del nodo giusto.

Se si rimane nel campo speleo-canyoning le variazioni sono minime rispetto ai dati ricavati a trazione quasi-statica. Infine, considerato che la longe (o trilonge) non è l’unico elemento della catena di sicurezza votato ad assorbire energia (questo ruolo lo svolge soprattutto la corda), appare evidente che si possono utilizzare anche delle semplici longe, confezionate con corda statica, senza per questo compromettere la sicurezza della progressione.

Vi consigliamo la lettura di questo utilissimo studio scovato sul web dal titolo “RESISTENZA E ASSORBIMENTO DI ENERGIA DELLE LONGE E TRILONGE IN CORDA IN FUNZIONE DELLA VELOCITÀ DI DEFORMAZIONE” (www.speleocrasc.it/FilePDF/Longe.pdf) , a cura di vari autori che riporta i risultati di test, con sollecitazioni quasi-statiche e con velocità di deformazione crescente, su longe e trilonge con corda statica e dinamica e su longe confezionate in fettuccia.

Sono stati ottenuti dati sulla resistenza alla rottura e sulla capacità di assorbire energia in funzione della variazione della velocità di deformazione ed è stato così possibile valutare le differenze di comportamento delle corde statiche e delle corde dinamiche.

Inoltre in allegato un documento datato Aprile 2012 a cura del Soccorso Alpino in cui potrete esercitarvi a confezionare le vostre longe ragionando sulle loro potenzialità (pdf allegato).

Buon’esercizio!

Fig 1 Longe (clik sull'immagine per ingrandire)

 

Fig. 2 Trilonge (clik sull'immagine per ingrandire)

Please login to comment
  • No comments found

Gli scatti migliori

Il sottosuolo di Napoli

Ultimi post nel forum

17 Luglio 2019

Forum ExtraTopic

17 Luglio 2019

  • La dolce vita - Serata romana - da: NeandertalMan
    Era da tempo in programma ma non si vedeva la via di concretizzare questa nuova follia e così, proprio all'ultimo momento, decido di modificare i miei progetti, che questo sabato mi avrebbero...
  • Ancora un break per NUg - da: NeandertalMan
    Da domani e fino a sabato 12 agosto, mi prendo un nuovo break. Se riuscirò a trovare qualche connessione internet vi potrei anche postare qualche foto altrimenti ci risentiremo al ritorno....

Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons
Il sito www.napoliunderground.org non rappresenta una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Napoli Underground (NUg) è un'organizzazione indipendente che si occupa esclusivamente di esplorazioni, ricerche, divulgazione e informazione e non è collegata a nessuna delle tante associazioni che praticano turismo e/o visite guidate nella nostra città.

 

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul vostro dispositivo.
Visualizza direttiva e-privacy Documenti